• Contactez-nous

Alliance française de Bari

Mostra fotografica : The Form’s Machine di Ninni Pepe

Corpo, autoritratto e fotografia per esorcizzare la decadenza.

Sede dell’Alliance Française, via Marchese di Montrone n.39 - dal 4 al 31 maggio 2018, dal lunedì al venerdì – ore 17-20.

Ispirato nel nome alla storica band inglese prog-rock “The Soft Machine" (la macchina molle), il progetto è composto da grandi stampe in bianco e nero che ritraggono una parte del corpo dello stesso autore - varianti del torso, del ventre manipolato - proponendo al pubblico un’intima riflessione sul tempo, la vecchiaia e la decadenza.

Dalla presentazione di Denis Curti, che ha ospitato queste immagini presso la galleria STILL in Milano nel 2016 :

“… si tratta del meccanismo della performance, quella a cui la serie sembra ispirarsi… dell’utilizzo del corpo come veicolo e oggetto dell’azione performativa alla presenza di un mezzo come la fotografia… è come se l’ironia, il gioco e l’immaginazione mettessero in scena gli amori e le ossessioni più intime dell’autore… nell’osservare la coerenza formale di questa serie ho la sensazione di entrare in un universo parallelo dove si incrociano arte, vita e fotografia… trovo interessanti queste immagini per quanto riescano… con naturalezza a riportarmi alla mente… il momento quando la fotografia entrò in dialogo con le avanguardie americane degli anni sessanta… e si aprì all’arte concettuale…”

Dalle riflessioni dell’autore :

“La maggior parte dei fotografi pensa che la fotografia immortali i propri soggetti… personalmente, ho sempre pensato che la fotografia ammazzi… la fotografia è violenta, come il mondo in cui viviamo… il carnefice si accanisce sulla vittima per una sorta di esorcismo… così anche la fotografia può essere un esorcismo… quando rivolgiamo la violenza su noi stessi – il suicidio o l’autoritratto – possiamo ancora parlare di esorcismo ?”

Nato nel 1956 a Fasano, dove vive, Ninni Pepe fotografa dal 1978 ; nei primi anni ’80 è socio di Spazio Immagine a Bari. Nel 2004 è invitato da Cosmo Laera ad Alberobello Fotografia con la serie Verde sangue. Nel 2005 espone a Milano la serie The men of family, galleria Fabrica Eos, a cura di Denis Curti. Nel 2013 partecipa al Fasano Jazz festival con una serie di ritratti di musicisti, Scorefaces. Sempre nel 2013, segnalazione speciale di Gianni Berengo Gardin, presidente della giuria del concorso ‘I riti della settimana santa in Puglia’ con la serie La settimana santa breve. La stessa presentata a Bari nel 2015 all’interno del BARI Museo Foto Festival, su invito di Pio Meledandri. Ospite al MIA di Milano presso lo spazio di Still Love nel 2018. Ha partecipato a numerose mostre collettive.