• Contactez-nous

Alliance française de Bari

A metà del novecento, in una Francia in piena crisi politica, un gruppo di registi ventenni risponde alla storia immortalando « lo splendore del vero », creando un cinema che testimoni l’immediatezza del divenire e che diventi quasi una sorta di diario intimo di quella generazione di giovani cinefili (...)

La Nouvelle vague

65° anniversario dei Cahiers du cinéma

A metà del novecento, in una Francia in piena crisi politica, un gruppo di registi ventenni risponde alla storia immortalando « lo splendore del vero », creando un cinema che testimoni l’immediatezza del divenire e che diventi quasi una sorta di diario intimo di quella generazione di giovani cinefili che è passata alla storia come La Nouvelle vague. I giovanissimi esponenti, F. Truffaut, J. L. Godard, J. Rivette, E. Rohmer e C. Chabrol, collaborarono attivamente con la rivista cinematografica, che ad oggi resta la più autorevole, i Cahiers du cinéma, fondata nel 1951. Per celebrare il 65° anniversario della rivista, simbolo del movimento, la rassegna cinematografica di ottobre è interamente dedicata alla Nouvelle vague, a partire dal film che, con la sua premiazione a Cannes, ne ha sancito il riconoscimento ufficiale nella storia del cinema : Les 400 coups di F. Truffaut

Venerdì 7 ottobre 2016, ore 18.00

Les 400 coups, 1959 - 93 min.
di François Truffaut
con Jean-Pierre Léaud, Albert Rémy, Claire Maurier

Antoine Doinel è un bambino che vive con la giovane madre e il patrigno. Ha poca voglia di studiare e si diverte ad andare al cinema, a marinare la scuola, a compiere piccoli furti, oppresso da una famiglia che pensa troppo a se stessa e lo relega a buttare via la spazzatura o ad andare a comprare il latte, lasciando ai compagni di scuola il compito di accompagnarlo all’adolescenza. Il riformatorio diventerà il trampolino per il tuffo nel mare della vita.

Venerdì 14 ottobre 2016, ore 18.00

Paris nous appartient , 1958 - 136 min.
di Jacques Rivette
con Gianni Esposito, Betty Schneider, Françoise Prévost

Parigi, 1957. Anne, studentessa di letteratura, durante una festa a cui si è recata in compagnia del fratello Pierre, fa la conoscenza di Philip Kaufman, Gerard Lenz e la loro amica Terry. Kaufman è un giornalista americano sfuggito al maccartismo, Gerard, invece, è un regista di teatro.. Durante la serata, il gruppo accenna alla morte di un loro amico spagnolo, Juan, attivista politico deceduto apparentemente per suicidio ma che secondo loro è stato assassinato da persone che potrebbero far subire la stessa sorte a Gerard. Anne decide di aiutare e proteggere Gerard perché vuole scoprire cosa è realmente successo a Juan.

Venerdì 21 ottobre 2016, ore 18.00

Pierrot le fou, 1965 - 112 min.

di Jean-Luc Godard
con Jean-Paul Belmondo, Anna Karina, Dirk Sanders,

Ferdinand Griffon, benestante professore di spagnolo che lavora genericamente per la televisione, sposato con figli ma esistenzialmente insoddisfatto della propria vita borghese, decide di fuggire verso sud in compagnia di Marianne, una ragazza reincontrata casualmente mentre era stata chiamata a far da baby sitter al figlio della coppia, con la quale Ferdinand aveva avuto una relazione cinque anni prima. Proprio nel riaccompagnarla a casa Ferdinand, che Marianne si ostina a chiamare « Pierrot », decide di dare una svolta radicale alla sua vita intraprendendo la carriera di criminale insieme alla ragazza.

Venerdì 28 ottobre 2016, ore 18.00

Ma nuit chez Maud, 1969 - 110 min.

di Eric Rohmer
con Jean-Louis Trintignant, Françoise Fabian, Marie-Christine Barrault

A Clermont-Ferrand un ingegnere della Michelin nota in chiesa una ragazza che non osa avvicinare . La sera di Natale è invitato da un amico marxista a casa di Maud, libera pensatrice e divorziata. Costretto a passare la notte da lei, non si permette che un bacio. Il giorno dopo si decide a incontrare la ragazza. Cinque anni dopo incontra casualmente Maud, ma ora è sposato con Francoise, la ragazza della chiesa, e contento.