• Contactez-nous

Alliance française de Bari

« MATERIALI »
In esposizione fino a venerdì 22 gennaio 2016
Orari - dal lunedì al venerdì, 17.00-20.00
Opere di Pantaleo Avellis, Daniela Corbascio, Gaetano Fanelli, Tarshito, Mayra Mastromarino e Davide Partipilo
Mostra a cura di Domenico D’Oria
Catalogo a cura di Marilena Di Tursi
Questa (...)

Esposizione della mostra « Materiali »

Chiusura del sessantesimo anniversario di attività dell’Alliance Française di Bari

« MATERIALI »

In esposizione fino a venerdì 22 gennaio 2016
- Orari - dal lunedì al venerdì, 17.00-20.00

Opere di Pantaleo Avellis, Daniela Corbascio, Gaetano Fanelli, Tarshito, Mayra Mastromarino e Davide Partipilo

Mostra a cura di Domenico D’Oria

Catalogo a cura di Marilena Di Tursi

Questa mostra, che vede esposte opere di sei artisti italiani, chiude gli eventi del sessantesimo anniversario di attività dell’Alliance Française di Bari. Per questo progetto sono stati riuniti quattro artisti che hanno già esposto negli ultimi anni presso l’Artoteca Alliance e un duo di giovanissimi al loro primo evento.

« Difficile considerare i materiali come meri supporti di una narrazione, esclusivi ausili per rendere visibili creazioni e idee, soprattutto in territorio francese e a trent’anni, ormai, dalla storica mostra al Beaubourg di Parigi, progettata dal filosofo François Lyotard, per riflettere sulla definizione di materia nell’era della postmodernità. Un passaggio epocale che si chiamava »Les Immatériaux« , che apriva nuove strade, suggeriva eventi e linguaggi senza corpi fisici per descrivere la crisi delle forme e il loro de-materializzarsi nella vita quotidiana. Scegliere oggi il concetto di materiale come tema per un itinerario espositivo che opta, al contrario, per una persistenza fisica delle opere, significa partire anche da questo passato e da una domanda di concettuale spessore. Con quale sensibilità bisogna approcciare la condizione materiale, in un’epoca in cui »l’essere senza materia« , il virtuale, sono accelerati dall’inarrestabile proliferare dei mezzi digitali ? »